AlbumArte
AlbumArte
Elena Forin

Elena Forin

È un curatore freelance che vive in Italia.

La sua ricerca unisce l’interesse per i più recenti sviluppi artistici –installazione, video, performance, pratiche sociali, partecipative e site specific– e le loro radici storiche nei movimenti degli anni ’60 e ’70.

Tra il 2009 e il 2011 ha curato per il MACRO, Museo d’Arte Contemporanea Roma, varie mostre, tra cui Urs Lüthi Just Another Story About Leaving (con L.M. Barbero), Jacob Hashimoto Silence Still Governs Our Consciousness, Jamie Shovlin Hiker Meat, Sarah Braman Lay me down, Esther Stocker Destino comune, e Riccardo De Marchi Fori Romani (con L.M. Barbero).

Dal 2011 fa parte di LaRete Art Projects, per cui ha curato Click or Clash? Strategie di collaborazione – stage 2 (Marco Giovani, Niklas Goldbach, Yves Netzhammer; cocurata con Julia Draganovic. Galleria Bianconi, Milano), Suara Welitoff (introduzione di Manuel de Santaren, Upside Down, Milano), Mind the Gap?! Cheryl Pope & Carlo Zauli (Galleria Bianconi, Milan), Silvano Tessarollo, Se il grano non muore (con J. Draganovic, Fondazione Vignato, Vicenza), Curator’s Choice (con Julia Draganovic), Art Miami, Miami FL, Pronti a fare un salto? (Triennale di Milano), David Rickard, All Vertical Lines Intersect (Ex Birreria Giudecca, Galleria Michela Rizzo, Venezia).

Coordina Talk | Show, un ciclo di conferenze sulla site specificity (Galleria civica di Modena), collabora con varie istituzioni internazionali (Kunsthalle Osnabrück, Germania; Łaźnia Center for Contemporary Art, Gdańsk, Polonia) per la realizzazione di progetti espositivi e scientifici, e con realtà indipendenti.