Google + Youtube

Flavio Favelli | Residenza a Istanbul e mostra personale Grapie Juice alla Galata Rum Okulu

April 7, 2014 by Staff

Flavio Favelli, Black Tulip, 2014

L’Ambasciata d’Italia in Turchia, l’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul, Yapı Kredi Cultural Activities Arts and Publishing, la Camera di Commercio Italiana in Turchia e AlbumArte

presentano

FLAVIO FAVELLI | Grape Juice

Mostra personale alla Galata Rum Okulu (Scuola Greca di Galata), Istanbul

14 aprile – 14 giugno 2014
I
naugurazione: 16 maggio 2014 

Progetto di Cristina Cobianchi | AlbumArte Roma
a cura di Vittorio Urbani

Flavio Favelli (1967) è stato invitato da Albumarte alla terza edizione del ciclo Anteprima un progetto di residenza d’artista che si terrà a Palazzo Venezia, Residenza a Istanbul dell’Ambasciatore d’Italia in Turchia.
La mostra personale che Favelli realizzerà come parte integrante del progetto, dal titolo Grape Juice, curata da Vittorio Urbani, sarà allestita nella principale sala espositiva della Galata Rum Okulu, la Scuola Elementare Greca di Galata (una delle sedi più prestigiose dell’ultima Biennale di Istanbul), dal 17 maggio al 14 giugno 2014.
“Il senso di una mostra che esce da una residenza”, dichiara il curatore Vittorio Urbani, “sta nel mettere alla prova la capacità dell’artista di reagire ad un ambiente a lui estraneo. Questa capacità deve anche comprendere una certa velocità, dato il breve tempo concesso fra il provare emozioni e il realizzare una produzione. Flavio Favelli a Istanbul reagirà ad una società che da due secoli si interroga sulla propria posizione nel campo della Modernità, e il cui recente “successo” internazionale è ora adombrato dalle recenti difficoltà della politica e da disagio sociale”.
Flavio Favelli, fiorentino di nascita ma da sempre residente a Bologna, ha sviluppato la sua pratica artistica partendo da un concetto intimo e molto personale di tempo e spazio. Assemblando diversi oggetti come: cancelli, panche, porte, ringhiere, balconi, sedie, tavoli, specchi, tappeti e lampadari, l’artista crea opere d’aspetto funzionale che trasformano l’atmosfera dei luoghi che li contengono, caricandoli di emozioni personali e al contempo universali.
Scrive il curatore Vittorio Urbani: “La pratica artistica può oggi variare enormemente, ma di base si rigira fra media i più diversi e talvolta bizzarri, nel paesaggio piatto di un omogeneo conformismo “post avanguardistico”. ” Favelli, invece, stabilisce con chiarezza una narrativa che lega con coerenza visiva, e dona il colore delle emozioni agli oggetti che lui dapprima raccoglie e poi riassembla. Nuovi significati sono aggiunti ad oggetti che prima erano solo funzionali: questi agiscono come “voce dietro la scena” aggiungendosi all’originale significato”.
Le installazioni di Flavio Favelli si concentrano sul valore estetico e poetico degli oggetti quotidiani che ci circondano. Il mosaico di specchi in una cornice antica, ad esempio, invece di riflettere, frammenta l’immagine speculare e sembra registrare la natura arbitraria del nostro rapporto con il mondo attraverso questa sintesi bizzarra.
“E’ interessante notare”, scrive ancora il curatore, “che Favelli sceglie spesso pezzi di mobilia da classe media, funzionali, non di lusso: di una certa pretesa ma strettamente legata ad economicità. Questo tipo di arredamento ha avuto una forte funzione di auto rappresentazione per la classe media italiana, da cui anche la famiglia di Favelli proviene. Il lampadario proveniente da un piccolo salotto o il comò di una camera da letto di due coniugi che lottano per mantenere il decòr sul loro magro stipendio. Ma il lampadario dopotutto splende, il comò ha interessanti intagli di mano di un falegname di provincia. Tutto nel lavoro di Flavio Favelli risuona di questo contrasto: basso e alto, buona qualità ed economicità. Ma le emozioni nella vita di chi usava questi oggetti sono reali e vengono rappresentate con sincerità”.
Flavio Favelli, che in passato ha già esposto a Istanbul in due mostre collettive curate da Vittorio Urbani alla Macka Sanat Galerisi e al Museo Elgiz, è alla sua prima mostra personale in Turchia.
Il programma di Anteprima#3 (progetto di AlbumArte) per la residenza e la mostra di Flavio Favelli, comprenderà due incontri aperti al pubblico:

- Giovedì 8 maggio 2014, alle ore 19.00: la Bilgi University Ma in Cultural Management, nella serie Thursday Talks presso Studio X, presenta: Istanbul according to Flavio Favelli. An artist in residency (talk in lingua inglese) Studio-X Istanbul Meclis-i Mebusan 35A 34433, Salipazari, Istanbul, (Mobile +90 532 176 3227)

- Sabato 17 maggio 2014, alle ore 17.00: Conversazione con Flavio Favelli presso l’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul (Teatro della Casa d’Italia, Me?rutiyet Caddesi, no. /5, Tepebasi, Beyoğlu), con le critiche d’arte Cristiana Perrella e Paola Ugolini, Anna Mattirolo Direttore MAXXI Arte e il curatore Vittorio Urbani (traduzione simultanea italiano/turco)

Il catalogo della mostra Grape Juice di Cristina Cobianchi, Cristiana Perrella e Vittorio Urbani in dialogo con Flavio Favelli, è prodotto da Visioni Future.

AlbumArte ringrazia la galleria Studio SALES di Norberto Ruggeri.


La mostra è parte del progetto Anteprima#3 Flavio Favelli in Residenza, dal 12 aprile al 25 maggio 2014, a Palazzo Venezia/ Venedik Saray, Residenza a Istanbul dell’Ambasciatore d’Italia in Turchia (Beyoğlu, Istanbul). Evento realizzato da: Ambasciata d’Italia in Turchia, Istituto Italiano di Cultura di Istanbul, YapKredi Cultural Activities Arts and Publishing, Camera di Commercio Italiana in Turchia e AlbumArte.

Catalogo prodotto da Visioni Future.

Info Istanbul : Istituto Italiano di Cultura di Istanbul, info.iicistanbul@esteri.it
Ufficio Stampa Turchia: Anatolia Group, armagan.akcora@hotmail.com
Ufficio Stampa ItaliaSara Zolla, info@lettersefutuna.com - + (39) 346 8457982 
 


 


Yapı Kredi Cultural Activities Arts and Publishing per molti decenni ha operato con l’obiettivo di arricchire la cultura e la vitalità dell’arte nel paese così come di attuare diversi progetti d’arte di alta qualità, che sono disponibili gratuitamente a tutti. Il braccio editoriale, Yapi Kredi Publications (YKY) è il più grande editore in Turchia. Si propone di offrire ai propri lettori una selezione di prim’ordine di opere della scena turca e internazionale . Poesia , filosofia, letteratura, arte, storia e libri per bambini, sono le suoe principali linee di produzione.Yapi Kredi Publications copre un ampio campo di attivita’ e di pubblicazioni occupando una posizione unica al mondo. YKY colma una grande lacuna nel mercato dell’editoria attraverso la pubblicazione di periodici, Sanat Dünyamız, Cogito e Kitap-lık, che si occupano di arte, filosofia e letteratura. Nel corso dell’anno le varie sedi di Yapi Kredi Cultural Centre ospitano oltre 100 eventi e mostre di archeologia , teatro, letteratura , fotografia e storia dell’arte.

Vittorio Urbani nato a Ferrara, vive e lavora a Venezia. Ha curato mostre di arte contemporanea a Istanbul e partecipato all’organizzazione di partecipazioni ufficiali nazionali della Turchia alla Biennale di Venezia. Dal 1993 è direttore dell’associazione culturale non profit “Nuova Icona – associazione culturale per le arti”, con sede a Venezia, con la quale ha organizzato e curato mostre in Italia e all’estero che mostrano un particolare interesse a sviluppare progetti artistici e scambi culturali con la Turchia e i Paesi del Medio Oriente. (www.nuovaicona.org)

Visioni Future è un’associazione culturale fondata nel 2009 a Potenza (Italia) con l’intento di favorire la crescita professionale dei giovani artisti e di sensibilizzare il pubblico all’approccio con l’arte contemporanea, attraverso attività espositive, didattiche e servizi di documentazione sulle arti visive. In particolare, Visioni Future vuole far conoscere i giovani artisti italiani nel sistema dell’arte contemporanea internazionale promuovendone la mobilità e sostenendoli nella ricerca di finanziamenti. (info@visionifuture.org). 


Search

Newsletter

PROGETTI IN CORSO

7 marzo - 21 aprile 2018
PARADISO

Continua

CHASING BOUNDARIES
Continua

PROGETTI FUTURI

26 aprile 2018
Juliet Jacques: Fiction, memoir, performance

Continua

3 - 16 maggio 2018
Zaelia Bishop | Uranio Cemento e Grafite

Continua

PROGETTI PASSATI

15 febbraio - 1 marzo 2018
Dario Agati - Fabio Giorgi Alberti | Quite solo

Continua

29 gennaio - 10 febbraio 2018
Cosimo Veneziano | Rompi la finestra e ruba i frammenti!

Continua

23 novembre 2017 - 20 gennaio 2018
Residenze #3 | Juan Zamora | ORA (bajo al cielo de la boca)

Continua

24 novembre 2016 - 2 dicembre 2017
Donne (non più) anonime

Continua

15 novembre 2017
Elisa Strinna | THE MULTIPLE LANDSCAPE

Continua

14 novembre 2017
Chasing Boundaries Belfast - prima italiana

Continua

18 settembre - 11 novembre 2017
Egle Budvytyte | Tra ciglia e pensiero

Continua

14 ottobre 2017
Egle Budvytyte | Choreography for the Running Male

Continua

14 giugno-21 luglio 2017
Iginio De Luca | Riso amaro (Dieci anni di blitz)

Continua

5 giugno 2017
Donne (non più) anonime | Teresa Margolles

Continua

18-19 maggio 2017
Elena Bellantoni | Maremoto

Continua

23-26 maggio 2017
Ferhat Özgür | Conquest

Continua

3-14 maggio 2017
Homo faber | Ipsius fortunae di Marroni – Ouanely

Continua

15 febbraio - 27 aprile 2017
Campo Grossi Maglioni

Continua

8 febbraio 2017
ROMA - 3 VARIAZIONI (2017) di José Guerrero / Antonio Blanco

Continua

3 e 4 febbraio 2017
Chasing Boundaries cap. I - II

Continua

6 dicembre - 31 gennaio 2017
Residenze #2 | Sabrina Casadei- A Thousand Miles Away

Continua

18 gennaio 2017
Exploring ... | Step 1

Continua

11 ottobre - 26 novembre
AlbumArte presenta Residenze #1 | Flavio Favelli - Gianni Politi

Continua

15 ottobre 2016 ore ore 18.30
AlbumArte | Music #1 | Ofer (concerto pilota)

Continua

14 - 30 settembre
AlbumArte presenta 'Monte Inferno'

Continua

4 Maggio - 15 Luglio 2016
AlbumArte presenta “Sogni d’oro”

Continua

10 Febbraio - 16 Aprile 2016
AlbumArte | VideoArtForum. Rassegna di Film d’Artista e Videoforum in cinque appuntamenti: #1 Margherita Morgantin, #2 Driant Zeneli, #3 Ferhat Özgür, #4 Anna Franceschini, #5 Francesco Jodice

Continua