Google + Youtube

AlbumArte presenta ‘Campo Grossi Maglioni’ | Opening 15 febbraio 2017

December 14, 2016 by Staff

GROSSI-MAGLIONI-0

logo album e ass cultura mun2

AlbumArte presenta

Campo Grossi Maglioni
a cura di Lýdia Pribišová e Gianluca Brogna

Opening 15 febbraio 2017 ore 18.30 (ore 19.30 performance con gli Acchiappashpirt)
Apertura al pubblico: 16 febbraio 27 aprile 2017

CALENDARIO ATTIVITÀ
4 marzo e 8 aprile ore 16-19: workshop gratuiti per il pubblico
16 marzo ore 19: performance aperta al pubblico con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma
27 aprile ore 19 (finissage): performance aperta al pubblico con Per Hüttner e Carima Neusser (Vision Forum)

COMUNICATO STAMPA >>>

AlbumArte è lieta di presentare la personale del duo Grossi Maglioni (Francesca Grossi e Vera Maglioni) a cura di Lýdia Pribišová e Gianluca Brogna che inaugurerà il 15 febbraio e sarà aperta fino al 27 aprile 2017. 

La mostra è stata costruita attraverso la rielaborazione di tre progetti artistici sviluppati e approfonditi nell’arco di dieci anni di attività e delinea, inoltre, il processo di work-in-progress che sottende da sempre la ricerca di Grossi Maglioni. 

Il duo artistico fin dal suo esordio ha dedicato una parte sostanziale della propria ricerca alle pratiche performative, attraverso le quali hanno indagato differenti argomenti di natura sociale e politica, combinando la metodologia della ricerca artistica con quella antropologica, scientifica, con incursioni nella magia e nella parascienza, senza mai escludere un approccio femminile e femminista agli argomenti e ai lavori da loro elaborati. Infatti, le artiste si focalizzano spesso su tematiche politicamente scomode: lo sguardo che offende, le occupazioni, le serate spiritiste con il corpo femminile usato come oggetto dell’operazione. 

Tutti e tre i progetti sono incentrati sull’idea di opera come dispositivo che innesca interazioni e collaborazioni sia tra le artiste che con il pubblico. 

La mostra deve intendersi come un ‘villaggio/campo/agorà’ che si sviluppa dall’installazione centrale nella sala grande di AlbumArte dedicata alle Occupazioni, ricerca iniziata nel 2014. Questo progetto, composto da tende e teli dipinti fissati insieme da un sistema di corde, ripropone un modello di accampamento nomade – nello specifico una tenda per l’accudimento dei figli – e più ampiamente indaga il rapporto tra le necessità primarie e ancestrali del vivere e l’organizzazione essenziale dello spazio da parte dell’Uomo. 

Il secondo progetto in mostra è Lo Sguardo che offende (2011-2017), composto da una serie di dispositivi che assomigliano a delle armi con puntatori ottici, e parte della documentazione delle performance svolte attraverso la messa in scena di questi dispositivi. Il progetto parte da una riflessione sui dispositivi della visione e sulla possibilità fantascientifica dello sguardo di ‘ferire’ il paesaggio che osserva. A conclusione del progetto c’è un libro d’artista totalmente inedito, contenente le riproduzioni di disegni e acquarelli e trenta maschere originali. 

GROSSI-MAGLIONI-0Immagine: Grossi Maglioni, Gesti di relazione, Amicizia I, 2016. Foto Mirai Pulvirenti

Il terzo gruppo di lavori esposto nella mostra è quello dedicato al rapporto tra magia e illusionismo, sviluppato nel periodo 2006-2011, quando le artiste usavano lo pseudonimo ‘The Grossi Maglioni Magic Duo’. Si tratta dell’esplorazione sul rapporto tra realtà e finzione, e del limite sfuggente che si frappone tra i due campi, ovvero l’invisibile. Appropriandosi dei metodi operativi del mago o dell’illusionista, le artiste riflettono sul loro lavoro artistico, basato sempre sul dialogo e complicità. Il senso di questo lavoro è processuale, basato sulle azioni mediatiche/performative/illusionistiche, e usa dispositivi come il gabinetto spiritico, la macchina dematerializzante, l’ouija board – ma anche il libro Conversazioni di Gilles Deleuze e Claire Parnet – per mettere in scena una situazione al tempo stesso meditativa, ironica ed erotica. 

Le installazioni saranno affiancate da attività performative e workshop che renderanno la mostra un ambiente vivo e in mutazione. 

Lo spazio si trasformerà più volte durante il periodo di mostra: il 4 marzo e l’8 aprile 2017 si terranno dei laboratori aperti a tutti e il 16 marzo una performance, aperta al pubblico, risultato di un workshop che coinvolgerà gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma. L’intenzione è far diventare il visitatore il partecipante, l’occupante attivo degli spazi.  

La performance che chiuderà la mostra il 27 aprile 2017 sarà quella dell’artista Per Hűttner, fondatore della piattaforma di ricerca internazionale per le arti performative, la scienza e le tecnologie Vision Forum con base in Svezia, di cui Grossi Maglioni fa parte dal 2008. 


Campo Grossi Maglioni_invito

Il progetto ha ricevuto il patrocinio dell’Assessorato alle Attività Produttive, Cultura e Sport del Municipio II di Roma Capitale.  Si ringrazia la Fondazione Catel per aver supportato parte della produzione delle opere. Il progetto si avvale della collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Roma e Vision Forum.

loghi partner campo GM


Grossi Maglioni (Francesca Grossi e Vera Maglioni, Roma, 1982) hanno iniziato a collaborare nel 2006. Il duo Grossi Maglioni ha costituito la propria ricerca principalmente nell’ambito della performance art, dell’installazione e delle pratiche workshop based. Il riferimento a diversi campi di studio come l’antropologia, il teatro, gli studi di genere, la fantascienza, e la relazione tra storia della performance e cultura popolare e di massa, sono stati il punto di partenza per progetti a lungo termine in cui l’interazione con lo spettatore ed il contesto sono il momento di verifica e ridefinizione del processo artistico. Alla pratica performativa si è accompagnata la creazione di una serie di dispositivi che sfruttano e simulano gli elementi caratteristici dei procedimenti di entertainment per forzare il pubblico ad una sospensione dello sguardo, sempre in bilico tra ciò che viene svelato – pure attraverso il paradosso del travestimento – e ciò che viene metaforicamente sottratto alla vista, come nel caso di Macchina Dematerializzante e Gabinetto Spiritico per l’apparizione di corpi dispersi. La natura del rapporto pubblico – privato, messa in questione ad esempio in lavori che sfruttano la piattaforma web come Performance Season, Performance Art Didactic Festival, è stata rimodulata e ha trovato applicazione anche nei lavori più recenti come Lo Sguardo che offende, dove ad essere indagata è la percezione dei paesaggi, tra oggettività del dato naturale e narrazione. Dal 2014 Grossi Maglioni ha iniziato una ricerca intorno alle occupazioni di luoghi pubblici e privati. Nel progetto vengono investigate le relazioni tra architetture mobili ed i bisogni di piccole comunità, in installazioni per spazi urbani come palazzi occupati e in ambienti naturali. Il loro lavoro è stato presentato in mostre nazionali e internazionali in gallerie, istituzioni museali ed accademiche tra le quali: Nuova Gestione, Roma (IT); Acting in the city, Norrköpings Konstmuseum (SW); Do you know because I tell you so or do you know, do you know? memories, anecdotes and superstitions, Viafarini, Milano (IT); Re-Generation, MACRO museum, Roma (IT); Anti-Hospital, The Invisible Generation, Margaret Lawrence Gallery, Melbourne (AU); Correspondance 2.2, 26 cc spazio per l’arte contemporanea, Roma (IT);  (Anti)realism- Workshot 2, ERBA Ecole Régionale des Beaux Arts de Besançon, Besançon (FR); Genealogia Futurista #1, Konstall museum, Vasa (FI); Cross Language, University of Technology, Guangzhou (CN); Rupextre residenza per artisti e antropologi, Matera (IT); (Anti)realism, Guanghzou Academy of Fine Arts (CN); Svenska konstskolan, Nykarleby (FI). Dal 2008 il duo fa parte della piattaforma di ricerca internazionale per le arti performative, la scienza e le tecnologie Vision Forum, di base in Svezia, per la quale ha ideato e curato il 1° Festival di On Line Performance che si è svolto interamente sul web. grossimaglioni.com


INFORMAZIONI PER LA STAMPAMaria Bonmassar: ufficiostampa@mariabonmassar.com  ufficio: +39 06 4825370 / cellulare: + 39 335 490311


Search

Newsletter

PROGETTI IN CORSO

14 giugno-14 luglio 2017
Iginio De Luca | Riso amaro (Dieci anni di blitz)

Continua

24 novembre 2016 - 22 novembre 2017
Donne (non più) anonime

Continua

PROGETTI FUTURI

PROGETTI PASSATI

18-19 maggio 2017
Elena Bellantoni | Maremoto

Continua

23-26 maggio 2017
Ferhat Özgür | Conquest

Continua

3-14 maggio 2017
Homo faber | Ipsius fortunae di Marroni – Ouanely

Continua

15 febbraio - 27 aprile 2017
Campo Grossi Maglioni

Continua

8 febbraio 2017
ROMA - 3 VARIAZIONI (2017) di José Guerrero / Antonio Blanco

Continua

3 e 4 febbraio 2017
Chasing Boundaries cap. I - II

Continua

6 dicembre - 31 gennaio 2017
Residenze #2 | Sabrina Casadei- A Thousand Miles Away

Continua

18 gennaio 2017
Exploring ... | Step 1

Continua

11 ottobre - 26 novembre
AlbumArte presenta Residenze #1 | Flavio Favelli - Gianni Politi

Continua

15 ottobre 2016 ore ore 18.30
AlbumArte | Music #1 | Ofer (concerto pilota)

Continua

14 - 30 settembre
AlbumArte presenta 'Monte Inferno'

Continua

4 Maggio - 15 Luglio 2016
AlbumArte presenta “Sogni d’oro”

Continua

10 Febbraio - 16 Aprile 2016
AlbumArte | VideoArtForum. Rassegna di Film d’Artista e Videoforum in cinque appuntamenti: #1 Margherita Morgantin, #2 Driant Zeneli, #3 Ferhat Özgür, #4 Anna Franceschini, #5 Francesco Jodice

Continua

6 ottobre - 15 dicembre 2015
AlbumArte presenta From Room to Roam | Lucia Nimcová & Martin Kollár

Continua

Dal 1 aprile 2015: Flavio Favelli Grape Juice | il libro
Continua

8 giugno - 20 luglio 2015 AlbumArte presenta Gregorio Samsa | WHERE IS ABEL?
Continua

13 maggio 2015 Chiara Mu: Ultimo Atto | il Web Documentary
Continua

Sabato 18 aprile 2015 | ore 11:00
AlbumArte alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma BIRDS SINGING, SANDY GROUND di Domenico Mangano

Continua

18 Febbraio - 1 Aprile 2015
AlbumArte presenta Chiara Mu | From Here to Eternity

Continua

AlbumArte e 90dB Festival - Winter Edition sabato 14 febbraio 2015 Roma
Continua

31 gennaio - 1 febbraio 2015
AlbumArte ospita A.I. Artisanal Intelligence | IN-EXISTENT

Continua

28 gennaio 2015
Chiara Mu | È possibile collezionare tempo e spazio? | tavola rotonda senza tavolo

Continua

1 febbraio | 13 dicembre 2014
DUPLEX
Un progetto tra Roma e Parigi nel programma di gemellaggio culturale TANDEM Paris Rome 2014

Continua

7 ottobre | 13 dicembre 2014
AlbumArte apre il suo spazio espositivo con la prima personale in Italia dell'artista francese Chistine Rebet, Meltingsun

Continua

11 Ottobre 2014
MELTINGSUN Live
Continua

11 Ottobre 2014
Margherita Moscardini – ISTANBUL CITY HILLS ON THE NATURAL HISTORY OF DISPERSION AND STATES OF AGGREGATION | THE BOOK
Continua

20 agosto | 30 settembre 2014
ANTEPRIMA#4 a Praga
Gianni Politi | residenza presso l’Istituto Italiano di Cultura di Praga

Continua

Dal 17 aprile al 14 giugno 2014 Anteprima#3 :
Flavio Favelli
in residenza a Istanbul e mostra personale GRAPE JUICE alla Galata Rum Okulu

Continua

12 Settembre 2013:
Margherita Moscardini
Istanbul City Hills, Circolo Roma – Casa d’Italia, Istituto Italiano di Cultura di Istanbul

Continua

12 settembre 2013: Anteprima#2,Screening di Video e Film “Il mondo è già filmato. Si tratta ora di trasformarlo”
Teatro della Casa d’Italia, Istituto Italiano di Cultura di Istanbul

Continua

14 Settembre 2013:
Adrian Paci "The Column"
Teatro della Casa d’Italia, Istituto Italiano di Cultura di Istanbul

Continua

2011: Maria Adele Del Vecchio
"Qui sembra ancora possibile"
a cura di Maria Rosa Sossai

Continua

2011: Anteprima /video and film screening evening at the presence of six video artists from Turkey and Italy
Continua

2010: Giovanni Ozzola / The Edge16 settembre – 16 ottobre a cura di Elena ForinProje 4L/ Elgiz Museum of Contemporary Art, Istanbul
Continua

Categories