Google + Youtube

DUPLEX | TANDEM Paris Rome | 10 settembre 12 ottobre 2014

September 9, 2014 by Staff

immagine per progetto fututo ita e ingl DUPLEX

TANDEM-RM

AlbumArte presenta

DUPLEX

Da martedì 10 settembre 2014 in residenza a Roma, ad AlbumArte, l’artista francese Christine Rebet e il duo curatoriale Francesco Urbano Ragazzi, all’interno del progetto DUPLEX , uno scambio di residenze di artisti e curatori tra la Cité des Arts de Paris e AlbumArte | Roma. Il progetto fa parte della selezione ufficiale di TANDEM 2014, il programma di gemellaggio culturale tra Parigi e Roma.

Un progetto di Francesco Urbano Ragazzi e AlbumArte
A cura di Maria Rosa Sossai e Francesco Urbano Ragazzi
Prodotto da Mairie de Paris, Citè des Arts de Paris, Institut Francais, Roma Capitale, Assessorato alla Cultura del Comune di Roma, AlbumArte

Parigi | Roma 1 febbraio | 13 dicembre 2014
Residenza a Roma dal 10 settembre al 12 ottobre 2014

COMUNICATO STAMPA |  COMMUNIQUÉ DE PRESSE

In epoca di mobilità e smaterializzazione, all’artista si richiede sempre più spesso di evocare la presenza dell’opera anche quando questa non c’è fisicamente. Il racconto, la rappresentazione, in alcuni casi l’affabulazione, diventano parte sempre più importante della nostra esperienza dell’arte.

Allora anche lo studio dell’artista è qualcosa che può esistere al di fuori dello studio stesso, in una dimensione che potremmo definire portatile. Può dislocarsi assieme all’artista attraverso le sue specifiche capacità e modalità di trasmettere immagini. È da questa coscienza che nasce Duplex: una sperimentale maratona di studio visit hors les murs.
L’esperimento è stato realizzato per la prima volta dal duo curatoriale Francesco Urbano Ragazzi, tra febbraio e marzo 2014, durante un periodo di residenza a Parigi all’interno del programma della Cité Internationale des Arts sostenuto dalla Mairie de Paris. Il progetto prosegue poi a Roma dove è prodotto da AlbumArte e co-curato dalla sua direttrice artistica Maria Rosa Sossai nell’ambito del gemellaggio culturale Tandem Paris-Rome promosso dall’l’Institut Français.
Ma torniamo a Parigi. Durante il periodo di residenza, il duo di curatori ha iniziato un’indagine sulla scena artistica della città. Ad indirizzarli nella ricerca sono arrivati i preziosi consigli di alcuni operatori del contemporaneo particolarmente attivi nel contesto della città: Kathy Alliou – Capo Dipartimento dello sviluppo scientifico e culturale dell’École Nationale Superieure de Beaux Arts, Marianne Derrien – critica e curatrice indipendente, Elisabeth Lebovici - critica d’arte e docente presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales, Claire Le Restif – direttrice del Crédac Centre d’art contemporain d’Ivry, Christian Merlhiot – responsabile del Pavillon Neuflize OBC (Palais de Tokyo), Caroline Niémant - curatrice e fondatrice della rivista Peeping Tom, Chiara Parisi – direttrice dei programmi culturali della Monnaie, Jean-François Rettig – direttore de Les Rencontres Internationales.
Questi advisor d’eccezione hanno dunque segnalato ai curatori in residenza alcuni artisti, componendo così una cartografia prismatica che ha unito linee di ricerca profondamente differenti. A partire da queste segnalazioni ha avuto inizio una vera e propria maratona di studio visit. Maratona in senso mentale più che fisico, dato che gli incontri si sono tenuti tutti in uno stesso luogo: il bureau temporaneo dei curatori alla Cité Internationale des Arts, nel cuore del Marais.
L’inversione della studio visit -che ovviamente non ha escluso la prassi più tradizionale- rappresenta il tentativo di porre la narrazione reciproca al centro del rapporto tra artista e curatore, riposizionandola in una sorta di setting terapeutico. L’artista fuori dal proprio contesto di produzione, entra nello spazio del racconto: uno spazio scarno dove potersi autorappresentare nuovamente. Il curatore, non più ospite, scopre nuove modalità per accogliere, osservare, ascoltare, domandare, raccontare a sua volta i propri progetti e le proprie idee.
Nel corso di questi mesi, di pari passo con uno sguardo sul panorama artistico parigino, si è andato poi costruendo un percorso di affinità più profonde che evolverà in collaborazioni più a lungo termine.
Proprio in questo spirito, tra i più di 100 artisti incontrati dai due curatori, uno è stato selezionato per proseguire il dialogo all’interno di una residenza che si terrà a Roma nell’autunno prossimo nella sede appena inaugurata di AlbumArte
L’artista in residenza a Roma, insieme al duo curatoriale Francesco Urbano Ragazzi, su invito della presidente Cristina Cobianchi e della direttrice artistica Maria Rosa Sossai, sarà Christine Rebet (1971), lionese di nascita e newyorkese di adozione. Rebet svilupperà il discorso intrapreso con i curatori attorno all’idea di spazializzazione del disegno. Il lavoro dell’artista francese ruota infatti attorno al disegno come strumento di lettura di forme traumatiche rimosse della storia, per poi tramutarsi in installazioni, sculture, animazioni e performance.

Apice del processo di ricerca e di scambio creativo sarà la mostra finale che inaugurerà lo spazio espositivo di AlbumArte in Flaminia, 122 il prossimo ottobre (opening 7 ottobre 2014 ore 18.30) dal titolo Meltingsun.

*** 

Christine Rebet vive e lavora tra New York e Parigi. Il suo lavoro prende corpo dal disegno per svilupparsi in forme che spaziano dall’animazione all’environment, dall’installazione alla performance. Cuore del discorso è l’elaborazione di traumi storici in una rilettura e rianimazione personale. Rebet si è formata tra la Columbia University e la Central Saint Martins School of Art and Design. Ha esposto le proprie opere e performance in diversi contesti internazionali tra cui: Site Santa Fé; Sculpture Center, Long Island NY; Le Magasin, Grenoble; Shangai Art Museum; Parasol Unit, London; Kamel Mennour Gallery, Paris; Taka Ishii, Tokyo ; X- initiative, New York, Cartier Foundation, Paris; UKS, Oslo, Smack Mellon Brooklyn NY; Gregor Podnar Gallery, Slovenia; James Fuentes Gallery, NY; Guild and Greyskhul Gallery, New York; Wexner center for the Arts, Moderna Museet, Stockholm. I suoi film sono stati presentati all’interno di diverse manifestazioni e festival tra cui si ricordano: Berlinale Short film Festival (Berlino, Germania); Oberhausen Short Film Festival (Germania); Scotia Novia Film Festival (Canada); Chicago Film Festival (USA), Expresion en Corto (San Miguel de Allende, Messico); Trip to the world of drawing animation (Tokyo, Yokohama, Kyoto, Nigata, Nagoya, Fukuoka – Giappone); Nemo Film Festival (Parigi, Francia); Animà Festival International de Cinema de Catalunya (Spagna); Jakarta Film Festival (Indonesia), BFI London Film Festival (UK), MIFF Manchester International Film Festival (UK), Festival International De Curtas (Belo Horizonte, Brasile); Murat French Short Film Festival (New York); Singapore International Film Festival.

Francesco Urbano Ragazzi è un duo curatoriale fondato nel 2005. Invitato alla Cité Internationale des Arts dalla Mairie de Paris nel 2008, ha successivamente dato vita a propri format di residenza: Spot – studio dal vivo, promosso dal Comune di Venezia (2010); Mirroring, finanziato da Emirates Foundation (2011); Prima Visione, per la Galleria Nazionale di Cosenza (2013). Nello stesso periodo il duo è stato parte del team curatoriale di Art Enclosures, residenze per artisti africani istituite dalla Fondazione di Venezia. Sempre basati su una pratica laboratoriale sono alcuni recenti progetti espositivi come il Padiglione Internet di Miltos Manetas per la Biennale di Venezia (2011 e 2013), Io Tu Lui Lei presso la Fondazione Bevilacqua La Masa (2012), L’Ile Flottante, sezione della quarta Sinopale (Biennale di Sinop, 2012), Dolomitenhof Resort all’interno di Dolomiti Contemporanee (Sass Muss, 2011). Francesco Urbano Ragazzi ha tenuto lecture e performance in spazi accademici e pubblici tra cui l’Università Iuav e Ca’ Foscari (Venezia), Zurcher Hochschule der Kunste (Zurigo), MACRO (Roma), Teatrino di Palazzo Grassi (Venezia). Ha inoltre collaborato con diverse istituzioni tra cui l’Istituto Svizzero di Roma, il Ministero delle Pari Opportunità (Italia), Venice Agendas – Panel Discussions in and around the Biennale, Fondazione Giorgio Cini (Venezia), Les Rencontres (Paris), Alliance Française – Ile de France (Parigi), European Cultural Association (Istanbul). Il duo curatoriale ha collaborato con riviste on line e offline come Purple, Nero, Undo.net, Flashart, South As a State of Mind. 

DUPLEX-FOOTER


Search

Newsletter

PROGETTI IN CORSO

24 novembre 2016 - 22 novembre 2017
Donne (non più) anonime

Continua

PROGETTI FUTURI

18 settembre - 11 novembre 2017
Egle Budvytyte | Tra ciglia e pensiero

Continua

PROGETTI PASSATI

18-19 maggio 2017
Elena Bellantoni | Maremoto

Continua

23-26 maggio 2017
Ferhat Özgür | Conquest

Continua

3-14 maggio 2017
Homo faber | Ipsius fortunae di Marroni – Ouanely

Continua

15 febbraio - 27 aprile 2017
Campo Grossi Maglioni

Continua

8 febbraio 2017
ROMA - 3 VARIAZIONI (2017) di José Guerrero / Antonio Blanco

Continua

3 e 4 febbraio 2017
Chasing Boundaries cap. I - II

Continua

6 dicembre - 31 gennaio 2017
Residenze #2 | Sabrina Casadei- A Thousand Miles Away

Continua

18 gennaio 2017
Exploring ... | Step 1

Continua

11 ottobre - 26 novembre
AlbumArte presenta Residenze #1 | Flavio Favelli - Gianni Politi

Continua

15 ottobre 2016 ore ore 18.30
AlbumArte | Music #1 | Ofer (concerto pilota)

Continua

14 - 30 settembre
AlbumArte presenta 'Monte Inferno'

Continua

4 Maggio - 15 Luglio 2016
AlbumArte presenta “Sogni d’oro”

Continua

10 Febbraio - 16 Aprile 2016
AlbumArte | VideoArtForum. Rassegna di Film d’Artista e Videoforum in cinque appuntamenti: #1 Margherita Morgantin, #2 Driant Zeneli, #3 Ferhat Özgür, #4 Anna Franceschini, #5 Francesco Jodice

Continua

6 ottobre - 15 dicembre 2015
AlbumArte presenta From Room to Roam | Lucia Nimcová & Martin Kollár

Continua

Dal 1 aprile 2015: Flavio Favelli Grape Juice | il libro
Continua

8 giugno - 20 luglio 2015 AlbumArte presenta Gregorio Samsa | WHERE IS ABEL?
Continua

13 maggio 2015 Chiara Mu: Ultimo Atto | il Web Documentary
Continua

Sabato 18 aprile 2015 | ore 11:00
AlbumArte alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma BIRDS SINGING, SANDY GROUND di Domenico Mangano

Continua

18 Febbraio - 1 Aprile 2015
AlbumArte presenta Chiara Mu | From Here to Eternity

Continua

AlbumArte e 90dB Festival - Winter Edition sabato 14 febbraio 2015 Roma
Continua

31 gennaio - 1 febbraio 2015
AlbumArte ospita A.I. Artisanal Intelligence | IN-EXISTENT

Continua

28 gennaio 2015
Chiara Mu | È possibile collezionare tempo e spazio? | tavola rotonda senza tavolo

Continua

1 febbraio | 13 dicembre 2014
DUPLEX
Un progetto tra Roma e Parigi nel programma di gemellaggio culturale TANDEM Paris Rome 2014

Continua

7 ottobre | 13 dicembre 2014
AlbumArte apre il suo spazio espositivo con la prima personale in Italia dell'artista francese Chistine Rebet, Meltingsun

Continua

11 Ottobre 2014
MELTINGSUN Live
Continua

11 Ottobre 2014
Margherita Moscardini – ISTANBUL CITY HILLS ON THE NATURAL HISTORY OF DISPERSION AND STATES OF AGGREGATION | THE BOOK
Continua

20 agosto | 30 settembre 2014
ANTEPRIMA#4 a Praga
Gianni Politi | residenza presso l’Istituto Italiano di Cultura di Praga

Continua

Dal 17 aprile al 14 giugno 2014 Anteprima#3 :
Flavio Favelli
in residenza a Istanbul e mostra personale GRAPE JUICE alla Galata Rum Okulu

Continua

12 Settembre 2013:
Margherita Moscardini
Istanbul City Hills, Circolo Roma – Casa d’Italia, Istituto Italiano di Cultura di Istanbul

Continua

12 settembre 2013: Anteprima#2,Screening di Video e Film “Il mondo è già filmato. Si tratta ora di trasformarlo”
Teatro della Casa d’Italia, Istituto Italiano di Cultura di Istanbul

Continua

14 Settembre 2013:
Adrian Paci "The Column"
Teatro della Casa d’Italia, Istituto Italiano di Cultura di Istanbul

Continua

2011: Maria Adele Del Vecchio
"Qui sembra ancora possibile"
a cura di Maria Rosa Sossai

Continua

2011: Anteprima /video and film screening evening at the presence of six video artists from Turkey and Italy
Continua

2010: Giovanni Ozzola / The Edge16 settembre – 16 ottobre a cura di Elena ForinProje 4L/ Elgiz Museum of Contemporary Art, Istanbul
Continua